L'ARTE DEL DISTILLARE.

 
  Saper separare. La distillazione può essere definita quale arte di separare due sostanze volatili mediante ebollizione e successiva condensazione. Un’arte che si perde nella notte dei tempi. Probabilmente la dobbiamo agli Arabi, maestri nell’estrarre essenze floreali, che l’hanno diffusa in Spagna e nell’Italia meridionale. Intorno al 1150 d.C. un „Magister Salernus“ riferisce della famosa scuola di Salerno nell’Italia meridionale, dove si ricavava la cosiddetta „aqua ardens“, dalla distillazione del vino. Dovettero passare dei secoli finché da questo rimedio contro la peste e la gotta, evolvesse un prodotto voluttuario. Il concetto di „aqua vitae“, cioè d’acqua vitale, risale all’epoca della peste quando, per corroborare l’organismo, la si assumeva o vi si facevano abluzioni in concentrazione molto diluita.

Medicina popolare ed altro. La grappa vanta una lunga tradizione nella cultura popolare tirolese. Difficile da dire a quali prodigi i Tirolesi credessero di più: a quelli dell’acqua santa o dell’acquavite. Forse non saranno dipese solamente dalla messa al campo, ma (anche?) dalla grappa distribuita prima della battaglia, le tre vittorie consecutive dei Tirolesi nel 1809 al Berg Isel. Lo stesso dicasi della quotidiana razione di grappa dei soldati italiani nella prima guerra mondiale. Per molto tempo, la buona grappa venne usata, accanto al vino, come “moneta liquida” e fu una redditizia fonte di guadagno. Intorno al 1700, l’imperatore austriaco concesse ad Andre Flugi, proprietario del castello Knillenberg a Maia Alta, il monopolio dell’acquavite, per la cui distillazione i contadini dovevano fornirgli, a malincuore, le vinacce. „I suoi eredi deperirono“, si legge in un punto della cronaca, ma non sarà certo stata colpa del „Treber“. Quando sotto Maria Teresa d’Austria la distillazione dell’acquavite divenne monopolio di Stato, l’Imperatrice accordò magnanimamente ai Tirolesi dei diritti straordinari: il facoltà di distillare 3 ettolitri di grappa è sempre ancora valida in Sudtirolo.

Dalla grappa al distillato di classe. „Grappa“ è un distillato di vinacce tipicamente italiano che si produce esclusivamente con vinacce le cui uve sono state vendemmiata e vinificate in Italia. Elevatissimi standard qualitativi ne fanno un distillato unico nel suo genere. Il suo nome risale alla parola „grapa“ oppure „graspa“, in uso nell’Italia settentrionale per definire la vinaccia. Il raffinato aroma della „grappa“ è il risultato di una buona vendemmia e di vinacce di qualità che le donano il suo carattere inconfondibile.

 

Una pregiata distilleria
nel cuore di Merano.

Dietro l’edificio comunale nel centro storico di Merano si trova una preziosa rarità: la distilleria della Cantina Lagundo/Algunder Kellerei. Accanto ad altri immobili c’è una piccola casa indipendente che da oltre 150 anni ospita una distilleria. Nel 2017 l’antico impianto di distillazione è stato sostituito da uno moderno. Dell’antica struttura è rimasto solo il piccolo edificio che è stato sottoposto a un esemplare restauro. Oggi i visitatori possono assistere da una grande vetrata al complesso procedimento di distillazione. Mario Pellegrina è il nome dell’odierno mastro distillatore. Nell’adiacente rivendita al dettaglio della Cantina Lagundo/ Algunder Kellerei si possono degustare e acquistare diversi distillati di pregio: Treber, Gewürztraminer, Chardonnay, Goldmustkateller e Bauburgunder.

 
 

RICONOSCIMENTO.

Marchio di qualità
Sotto il marchio di qualità "Südtiroler Grappa" si distillano, esclusivamente da vinacce locali, grappe di gran classe. La „Südtiroler Grappa“ è priva di aggiunte o sostanze “nobilitanti”. Il prodotto viene sottoposto regolarmente all’esame di una commissione di controllo della casa e deve rispondere ai massimi criteri qualitativi. Solo allora potrà fregiarsi del marchio di qualità. Quattro prodotti della cantina cantina/distilleria di Lagundo sono stati insigniti del marchio di qualità: la „Grappa/Treber 43°“, la robusta „Grappa/Treber 50°, la delicata „Chardonnay 43°“ e l’aromatico „Gewürztraminer 43°“. Una delizia sublime della migliore tradizione di distillazione!
   



   
Kellerei Algund Genossenschaft
I-39012 Merano. Portici 218
Tel. 0473 237147 . Fax 0473 275892
P.IVA IT 00101030211 . info@algunderkellerei.it                                                          Colophon